Frutti o creature del mare?

DruckversionPDF version

Nelle zuppe, fritti o nei cocktail, molti apprezzano le aragoste, i calamari e i gamberi come una prelibatezza, mentre questi animali marini sono creature stupefacenti le cui eccezionali facoltà sono purtroppo ancora troppo poco conosciute. 

Crostacei

In cucina persiste una certa confusione sul gruppo di animali spesso raggruppati sotto il termine generico di "crostacei". I gamberi sono spesso presentati indifferentemente come "crevettes" nella gastronomia francese, come "gambas" nei ristoranti spagnoli o come "gamberi" nei piatti italiani. Sono disponibili in commercio come "gamberetti" (shrimps) se sono piccoli e "gamberoni" (king prawns)  per i più grandi. I gamberi giganti sono spesso confusi con i gamberetti. E l'equivoco non si ferma qui: i gamberi grigi del Mare del Nord sono spesso indicati come granchi, un affronto alla classificazione biologica. I famosi "scampi" (Nephrops norvegicus), invece, non sono gamberi, in quanto sono dotati di chele.1 

Gamberetti

Fatti sorprendenti sui gamberi 

  • Molto variegata, la famiglia dei gamberi comprende una moltitudine di specie, di tutte le morfologie, dimensioni e colori. Se ne contano 2.000, che abitano diversi ambienti molto come l'abisso degli oceani, le acque poco profonde soggette alle maree e le acque dolci di tutte le regioni e di tutti i continenti del mondo, eccetto l'Antartide.
  • Sono affascinanti piccoli esseri viventi che vivono sul fondo dell'oceano e svolgono un ruolo essenziale nel mantenimento dell'equilibrio degli ecosistemi marini.
  • I gamberi nuotano più che strisciare.
  • Le loro dimensioni variano enormemente a seconda della specie a cui appartengono. Mentre i più piccoli misurano tra uno e due centimetri dalla testa alla coda, i più grandi raggiungono i 30 centesimi o più. Il gambero gigante indopacifico, una specie invasiva originaria del Golfo, può essere lungo quanto l'avambraccio di un adulto.
  • I gamberi sono ottimi nuotatori. Possono spingersi all'indietro ad alta velocità contraendo i muscoli del ventre e della coda oppure possono nuotare più lentamente in avanti usando le ciglia sotto la coda.
  • Alcuni gamberi producono suoni sbattendo insieme chele grandi e piccole. Sott'acqua, il rumore può diventare assordante in presenza di un gruppo di gamberi. Alcune specie possono produrre un suono più forte di qualsiasi sciabordio del mare. Si presume che lo facciano per comunicare tra loro o per mettere a dormire le loro prede.
  • I gamberi sono onnivori. Di solito si nutrono di residui microscopici di origine animale o vegetale filtrando l'acqua o setacciando il fondo marino. Alcune specie di gamberi si nutrono anche dei piccoli pesci che catturano. 
  • I gamberi svolgono un ruolo essenziale nell'ecosistema. Sono una parte importante della dieta di molti granchi, pesci, ricci di mare, balene, delfini e uccelli marini. Alcune specie di gamberi hanno un rapporto simbiotico con i pesci che puliscono e liberano da parassiti, batteri e funghi.
  • I gamberetti sono ricchi di selenio, un oligoelemento antiossidante con la proprietà di attivare degli enzimi per combattere contro la crescita dei radicali liberi cancerogeni. Ne contengono anche lenticchie, noci e asparagi. Quindi non c'è bisogno di svuotare l'oceano dei suoi abitanti e ucciderli per mangiarli.2 
  • Grazie al loro complesso sistema nervoso, i gamberi sono sensibili al dolore e sono in grado di sentire la sofferenza.

Cambio di definizione:  «Sea Life» vs «Sea Food»

Nel 2017 la «produzione» di questi piccoli crostacei ha superato i 2,9-3,5 milioni di tonnellate, di cui il 75-80% proviene dalla regione Asia-Pacifico.
http://www.fao.org/in-action/globefish/market-reports/resource-detail/en...  
L'oceano ormai da tempo non è più in grado di fornire questa quantità, i gamberi vengono quindi allevati in allevamenti acquatici. Questi allevamenti devono affrontare gli stessi problemi degli allevamenti ittici: è necessaria una grande quantità di pesce (olio o farina di pesce) per nutrire i crostacei, vengono distrutte le foreste di mangrovie che offrono una buona protezione contro gli tsunami https://www.swissveg.ch/tsunami, https://www.swissveg.ch/umweltfakten, solo per avere più spazio per le colture acquatiche, c’è un abuso nell’uso di farmaci per prevenire la morte precoce degli animali.
Nonostante ciò, la maggior parte dei piccoli crostacei sono ancora prelevati dal mare. Durante la pesca dei gamberi, il fondale marino viene raschiato con reti a maglie strette. Questo distrugge tutta la vita sul fondo dell'oceano, poiché oltre ai gamberetti, molti altri animali marini vengono intrappolati nelle reti come ad esempio le stelle marine, le cozze, le balene, gli uccelli marini o gli squali. Informazioni dettagliate sui metodi di pesca sono disponibili sulla nostra pagina swissveg.ch/fische. swissveg.ch/pesci

L'astice

L'aragosta è un crostaceo decapoda della famiglia dei nefropidi che vive nel mare. Il genere comprende due specie, l'astice europeo o bretone e l'astice americano o canadese. 

Fatti sorprendenti sull'astice

  • Gli astici possono diventare centenari.
  • Gli astici muoiono perché crescono per tutta la vita. Devono quindi costruire un nuovo carapace più grande e sbarazzarsi di quello vecchio che è diventato troppo stretto. 
  • Le femmine possono accoppiarsi solo appena dopo la muta. Non appena escono dal loro guscio, secernono un feromone* per avvertire i maschi che sono pronte. (*una molecola chimica odorosa prodotta da animali ed esseri umani che induce un comportamento specifico in un altro membro della stessa specie). 
  • Dopo la muta, gli astici hanno un appetito talmente insaziabile che spesso mangiano il proprio guscio, di cui si sono appena liberati. Questo permette loro di recuperare parte del calcio in esso contenuto e di accelerare l'indurimento del loro nuovo esoscheletro.
  • Gli astici percepiscono gli odori e identificano il cibo grazie ai sensori chimici* situati sulle loro zampe. (*ciglia dotate di recettori in grado di percepire gli odori). 
  • Gli astici sono considerati cannibali. Tuttavia, questo comportamento è estremamente raro in natura. Tuttavia, succede che a volte si mordano l'un l'altro in cattività nelle vasche sovraffollate6  
  • Le chele, le zampe e le antenne degli astici ricrescono..7
  • Les homards ne sont rouges que lorsqu’ils ont été cuits. Dans leur milieu naturel, la palette de couleurs des homards varie beaucoup allant du bleu profond au violet foncé. Elle dépend de la nourriture et de la couleur des cailloux qui les entourent. Les tons jaunes et l’albinisme sont extrêmement rares.
  • Gli astici sono rossi solo quando vengono cotti. Nel loro ambiente naturale, la gamma dei colori degli astici varia dal blu intenso al viola scuro. Dipende dal cibo e dal colore delle pietre che li circondano. I toni gialli e l'albinismo sono estremamente rari.
  • Il più grande astice europeo mai catturato era lungo 1,26 metri e pesava 9,3 chilogrammi. La sua chela principale pesava da solo 1,2 kg.8 Con i suoi 20,1 chilogrammi, l'astice americano più pesante ha battuto tutti i record.9  
  • Gli astici non hanno i denti nella cavità orale, ma all'interno dello stomaco. In questo organo, il cibo viene digerito da un "mulino" che assomiglia a tre molari.

Sensibilita al dolore

Indipendentemente da ciò che l'industria dice, ci sono pochi dubbi oggi sul fatto che le aragoste, come quasi tutti gli altri animali, provino dolore.
La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che il sistema nervoso di un'aragosta sia ben sviluppato. Uno studio condotto dall'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) nel dicembre 2005 ha concluso che le aragoste (così come i granchi e i crostacei) hanno importanti facoltà cognitive, un repertorio di comportamenti complessi, coscienza, memoria e un cervello con strutture complesse e che sono sensibili al dolore. L'EFSA ha classificato i crostacei nella categoria 1, che è il gruppo di animali in grado di provare dolore e stress e che merita protezione.10
 
È quindi ancora più crudele notare che queste creature sensibili non ricevono alcun rispetto durante il loro calvario. Di solito vengono gettati vivi nell'acqua bollente. Inoltre, le aragoste spesso muoiono di fame nelle trappole lasciate senza controllo. Durante il trasporto e l’immagazzinamento soffrono di disidratazione e malattie batteriche e dei gusci, per non parlare della mancanza di spazio. Il trattamento negligente che subiscono spesso provoca ferite e lesioni. Fuori dall'acqua, non possono respirare normalmente e nelle piscine, spesso entrano in conflitto con i loro simili. Improvvisi cambiamenti di temperatura, scarsa qualità dell'acqua e altre lesioni fisiche si aggiungono a tutto questo. Gettate in acqua bollente, le aragoste si contorcono per il dolore e graffiano il bordo della pentola nel tentativo finale di fuga. L'agonia può durare diversi minuti.

La cucina dal vivo di aragoste è ora vietata in Svizzera, Scozia, Inghilterra, Norvegia e parti dell'Australia. La legge austriaca ha già conferito alle aragoste lo stesso status dei vertebrati dal gennaio 2005. 

Molluschi 

Il ramo dei molluschi comprende una moltitudine di specie, di qualsiasi morfologia e di qualsiasi tipo, la maggior parte (ma non tutte) delle quali vive nel mare e in acqua dolce. Lumache, molluschi e cefalopodi (ad es. Polpo) sono tra questi.11 

Cozze 

I molluschi più conosciuti sono le ostriche, le capesante, le lumache di mare, le mandorle di mare, le cozze blu e verdi e le vongole.12  

Fatti sorprendenti sui molluschi 

  • Le conchiglie possono raggiungere l'età di 50 anni!13  
  • Esistono circa 10.000 specie di molluschi. 20.000 specie si sono già estinte. Li conosciamo solo dai fossili che sono arrivati fino a noi.14
  • I molluschi si nutrono attraverso una piccola apertura attraverso la quale aspirano l'acqua e la filtrano per rimuovere il plancton. Allo stesso modo, assorbono sostanze tossiche che vengono poi immagazzinate nel loro corpo. 
  • I molluschi hanno un piede che si è atrofizzato nel corso dell'evoluzione, così come la testa. Ecco come appare il piede di un mollusco: 
  • I molluschi sono esseri sessuati: maschi e femmine si riproducono insieme, ma non hanno necessariamente bisogno di entrare in contatto tra loro per farlo.14

Sensibilita al dolore

La scienza non ha risolto definitivamente la questione se i molluschi siano sensibili o no al dolore. Tuttavia, non si può escludere che lo siano. Allo stesso modo, non si può escludere che siano capaci di una qualche forma di coscienza, anche se non vi è alcuna indicazione definitiva che lo siano. A differenza degli insetti, i molluschi non hanno un cervello, ma hanno alcuni gangli del sistema nervoso centrale. Sono in grado di eseguire alcuni movimenti come aprire e chiudere le loro conchiglie. Sono inoltre dotati di meccanismi paragonabili ai recettori degli oppiacei di cui sono provvisti anche altri animali e che hanno la funzione di ridurre il dolore. La presenza di tali meccanismi nei molluschi suggerirebbe ragionevolmente che essi sono in grado di provare dolore. 15 16  

Madreperla e perle 

Il rivestimento interno iridescente delle conchiglie di molti molluschi è chiamato madreperla. Questa sostanza viene utilizzata per produrre perle. 
I molluschi producono perle per respingere i corpi estranei che entrano nelle loro conchiglie. Il mantello sintetizza la madreperla a strati per rivestire il corpo estraneo. In realtà, il mollusco non fa altro che isolare elementi intrusivi che ne hanno violato la sua integrità fisica.17 Ora sappiamo che un singolo granello di sabbia non basta per fare una perla. Se così fosse, i molluschi passerebbero la vita a proteggersi dal loro ambiente naturale e la quantità di perle naturali sarebbe enorme. 
Nell'industria delle perle, i corpi estranei vengono deliberatamente introdotti nelle conchiglie. Le perle si formano sia in acqua salata che in acqua dolce.18

Polpi

Ogni anno vengono pescate milioni di tonnellate di polpi. Finiscono nei nostri piatti sotto forma di calamari fritti o vivono una vita triste nei nostri laboratori dove si sottopongono ad ogni tipo di esperimento. Anche se questo strano animale non suscita alcun interesse agli occhi di molti di noi, non smette di affascinare gli scienziati con le capacità intellettuali rivelate da questo corpo dall'aspetto morbido e viscido.19 Nonostante ciò, molti paesi permettono la vivisezione dei polpi senza la necessità di chiedere un’autorizzazione per questa pratica. 

Fatti sorprendenti sui polpi 

  • Le aree del cervello delle piovre  dedicate alla memoria e all'apprendimento in particolare sono paragonabili a quelle dei vertebrati: i cefalopodi sono in grado di svolgere compiti cognitivi complessi, hanno memoria a breve e a lungo termine, utilizzano strumenti, imparano osservando, si distinguono per l'individualità del loro carattere e mostrano un'estrema sensibilità al dolore. Tutte queste caratteristiche sono state finora attribuite esclusivamente ai vertebrati. 
  • Indipendenti dai genitori fin dalla nascita, i piccoli polipi si lasciano trasportare per settimane sulla superficie dell'acqua prima di sprofondare nel fondale marino. Ogni individuo deve quindi adattarsi al proprio ambiente e adottare un comportamento di caccia adeguato. 
  • I disegni sulla pelle del polpo non servono solo come mimetizzazione, ma anche come mezzo per comunicare interessi ed emozioni.
  • Alcune specie sono diventate maestre nell'arte della mimetizzazione e si confondono allegramente con una barriera corallina o una noce di cocco galleggiante.
  • I polpi maschi a volte fanno finta di essere una femmina per poter accoppiarsi tranquillamente con il partner di un rivale a sua insaputa. Per fare ciò, nascondono abilmente il loro caratteristico tentacolo maschile.
  • I polpi sono vere fate in casa che sfiorano il maniaco: si preoccupano della pulizia della loro abitazione che non smettono mai di migliorare. Trascorrono molto tempo a ripulire le alghe che la ostruiscono, ridisegnando l'arredamento, rimuovendo i rifiuti e costruendo piccoli muri attorno all'entrata usando pezzi di corallo morto.
  • In cattività, i polpi a volte fuggono dal loro acquario di notte per scendere in una piscina vicina piena di pesci. Si concedono una festa senza limiti. Molto spericolati, non hanno nemmeno paura degli squali. Una volta sazi, ritornano tranquillamente nel loro acquario. Non visti ... o quasi, se non fossero stati traditi dalle tracce bagnate e appiccicose della loro malefatta lasciata sulle pareti o sul pavimento.
  • Anche in natura, sono stati osservati cefalopodi mentre salivano a bordo dei pescherecci e aprivano il boccaporto che portava al deposito di pesci.
  • I polpi vivono raramente per più di due anni: l'evoluzione li ha dotati di un cervello enorme, ma lascia loro poco tempo per usarlo e sfruttare tutte le sue capacità. 

Seppie, calamari o polpi ... quali differenze? 

Polpo è un termine generico per tutti gli animali con molti tentacoli che vivono sott'acqua. Generalmente chiamati con il nome scientifico coleoidi, sono anche chiamati polpi nei libri di scienza popolari. Non essendo un vertebrato, i polpi non sono pesci.20 Nell'industria alimentare internazionale, i polpi hanno acquisito diversi nomi in volgare come calamari senza alcuna corrispondenza con la tassonomia biologica.

Seppia: vive vicino al suolo e si nutre di pesci e granchi. La seppia cambia colore quando si sente minacciata o vuole impressionare un partner. Il suo corpo, il mantello, è cinto da una pinna continua e ondulata che gli consente di spingere se stesso. La bocca è circondata da dieci tentacoli.



Calamaro: a differenza della seppia, il calamaro nuota in acque libere. Si muove per mezzo di un sifone attraverso il quale espelle l'acqua dal mantello. Raggiunge quindi una velocità molto elevata. Alcune specie riescono persino a spingersi fuori dall'acqua e a percorrere grandi distanze risparmiando energia. È stato osservato che i calamari schizzano più di sei metri sopra l'acqua e saltano più di 50 metri.21 I muscoli del sifone consentono loro di variare la direzione dell'acqua di propulsione e quindi di eseguire manovre estremamente veloci. Le piccole specie in particolare nuotano in banchi composti da un numero molto elevato di individui.



Piovra: la parola «piovra» è più recente di «polpo», ma sembra derivarne. Victor Hugo introdusse questo termine in francese nel suo romanzo I lavoratori del mare, che ebbe un tale successo che piovra soppiantò polpo nell’uso comune. A differenza di altri cefalopodi come le seppie e le seppie nane, gli ottopodi hanno, come suggerisce il nome, otto e non dieci tentacoli.

Fatti sorprendenti:

  • Le piovre hanno spesso un tentacolo preferito che usano più degli altri.
  • Le piovre e gli ottopodi hanno non meno di tre cuori: un cuore principale dedicato al cervello e al corpo, nonché due cuori utilizzati per la respirazione.
  • Il numero di cuori con cui sono dotati le piovre è ora certo. Tuttavia, le opinioni differiscono sul numero di cervelli che hanno. Ciò che è certo è che ogni tentacolo contiene un ganglio del sistema nervoso.22  

Il polpi nel nostro piatto 

In Grecia, i polpi vengono spesso asciugati al sole, appesi a corde come se fossero biancheria. In questa fase, i polpi a volte sono ancora vivi. Ecco una foto scattata da Moritz Bleibtreu, un attore tedesco, durante le sue vacanze:


È deplorevole che delle celebrità non comprendano la gravità di questo tipo di pratica. 

Frutti o creature del mare?

Le persone che li consumano li raggruppano sotto il nome di «frutti di mare». Questo modo di dire dà l'impressione che si tratti di un alimento rinnovabile naturalmente messo a nostra disposizione dal mare, tuttavia aragoste, polpi e gamberi sono minacciati come gli altri abitanti del mare.

 

Letzte Aktualisierung: 03.07.2020
Weitere Infos: