Salta al contenuto principale

V-Label generale

Informazioni al produttore

Produci prodotti vegetariani/vegani e vorresti etichettarli con la V-Label?
Ecco le informazioni per questo.

La V-Label è stata presentata ufficialmente al pubblico per la prima volta al Congresso Vegetariano Europeo nel 1985. Swissveg lo utilizza come logo dell'associazione sin dalla sua fondazione (proprio come dieci altre organizzazioni vegetariane europee e otto extraeuropee). Dal 1996 la V-Label è stata utilizzata nella sua forma attuale per dichiarare prodotti vegetariani e vegani.

Secondo il sondaggio2020, circa il 60% della popolazione totale conosce la V-Label e l'85% dei vegetariani/vegani in Svizzera. Questo lo rende l'etichetta più conosciuta per i prodotti vegetariani e vegani.

Nel sondaggio pubblicitario del 2021 dell'agenzia Havas, è emerso che la V-Label è uno dei marchi più trendy in Svizzera (9° posto su 489 etichette).

L'esperienza mostra più volte che i produttori e i ristoratori convenzionali non sono sufficientemente consapevoli delle esigenze dei vegetariani/vegani. Succede ancora e ancora che i prodotti vengano etichettati come vegetariani dopo la loro dichiarazione, ma dopo un'ispezione più attenta non lo sono. Questo crea una grande incertezza tra i consumatori, perché non ovunque ci sia scritto vegetariano o vegano, anche questo corrisponde al fatto.

V-LabelAlcuni ingredienti sono facilmente identificabili come non vegani/vegetariani, altri, come la gelatina nelle bevande e nell'aceto o come veicolante per enzimi e vitamine, non necessitano di dichiarazione e devono essere chiariti dal cliente direttamente con il produttore. Dal punto di vista dei vegetariani coerenti, questo aspetto rende necessario un punto di controllo perché solleva il cliente e il produttore da questo lavoro e garantisce che gli ingredienti siano effettivamente vegetariani o vegani.

Si garantisce che i prodotti etichettati non contengano alcun ingrediente dell'animale ucciso (grasso della macellazione, sangue, ...). La dichiarazione che indica se contiene uova o prodotti lattiero-caseari viene verificata da Swissveg per tutti i prodotti fabbricati in Svizzera. È quindi subito evidente se un prodotto è vegetariano (può contenere uova e/o latte) o vegano (senza uova, latte, miele, ecc.). Inoltre, è generalmente vietato l'uso di uova di galline in gabbia. Anche se è possibile dimostrare che un prodotto contiene ingredienti geneticamente modificati, l'uso dell'etichetta non è consentito.

Il regolamento dell'etichetta è stato redatto congiuntamente da un comitato internazionale dell'Unione Vegetariana Europea (EVU). Swissveg è stata rappresentata in questo comitato sin dalla sua fondazione e ha avviato questo progetto internazionale V-Label. Le linee guida sono contenute nel regolamento. Questo può essere scaricato in varie lingue e versioni dal sito web di V-Label.

Ovo-latto-vegetariano o vegano?

Alcuni vegani considerano non necessaria una dichiarazione di prodotti ovo-latto-vegetariani, poiché anche gli animali sono sfruttati nella produzione di uova e latte e l'ambiente è fortemente inquinato. L'etichetta vegetariana europea (V-Label) dichiara tutti i tipi di prodotti vegetariani. Per differenziare, la categoria vegetariano o vegano deve essere stampata sotto l'etichetta. La suddivisione in questa categoria è uniforme a livello internazionale. In Svizzera è stata addirittura sancita dalla legge1 nell'ordinanza sull'alimentazione. Ciò significa che ogni consumatore può vedere immediatamente se un prodotto soddisfa le proprie esigenze vegetariane. Anche per i vegani un'etichetta vegetariana è più utile di un'etichetta che viene utilizzata solo per etichettare i prodotti vegani.

A parte il fatto che studiare tutti gli ingredienti è troppo noioso per molti consumatori, non è sempre chiaro quali ingredienti siano di origine animale e quali vegetali. È anche irragionevole dover portare con sé un elenco di Codici-E e altri nomi di ingredienti ogni volta che si acquista per decifrare l'elenco degli ingredienti. Nel peggiore dei casi, se si tratta di miscele di spezie, siamo comunque sopraffatti da tali elenchi. Ecco perché è poco noto, ad esempio, che alcune patatine francesi non siano realizzate esclusivamente con materie prime di origine vegetale, poiché gli ingredienti animali possono essere nascosti sotto il termine "mix di spezie" o "sapori". Questo dovrebbe mostrare un'etichetta vegetariana. Etichettandolo come vegetariano, si capisce subito che il prodotto in questione non è adatto ai vegani. Se i prodotti vegetariani con uova o latte non avessero affatto un'etichetta, questa dichiarazione trasparente non sarebbe possibile e i vegani dovrebbero leggere l'elenco degli ingredienti per tutti i prodotti non vegani ma vegetariani per scoprire se il prodotto è vegano, poiché non tutti i prodotti vegani avrebbero un'etichetta vegana.

La V-Label copre anche un gruppo di clienti molto più ampio: alcuni consumatori non tollerano i latticini e i prodotti vegani sono anche adatti a loro.

Ampio raggio di contatto

La distinzione tra le due categorie offre anche il grande vantaggio che si rivolge non solo ai produttori che già si occupano di prodotti vegani, ma anche a coloro che non hanno esperienza nella fabbricazione di prodotti a base vegetale. In qualità di organismo di certificazione, c'è quindi la possibilità di segnalare problemi con ingredienti animali direttamente al produttore e di offrire alternative. Ciò rende possibile non solo educare i clienti finali sul vegetarianesimo, ma anche un'ampia gamma di decisori, dai produttori ai distributori.

Se si considera che vent'anni fa nessun grande grossista aveva una speciale offerta vegetariana, figuriamoci vegana, negli ultimi anni sono successe molte cose. Oltre al latte di soia e allo yogurt, i vegani possono ora acquistare anche panna montata vegetale (crema di soia), gelato e cioccolato nelle immediate vicinanze. Segno che le esigenze dei clienti vegani e quelle dei tanti allergici (a latte e uova) e intolleranti al lattosio stanno diventando sempre più importanti per i rivenditori. Certo, è un processo che coinvolge principalmente l'utente finale. Alcuni di loro sono già vegani, altri mangiano ancora carne - l'obiettivo dovrebbe essere quello di rivolgersi alle persone nel luogo dove si trovano ora e di rendere loro appetibile la dieta vegana con motivazione e informazione positive. Se anche tu desideri una dichiarazione trasparente e controllata di prodotti vegetariani e vegani, contatta i tuoi rivenditori e faglielo sapere.

E le uova da stalla?

Swissveg si impegna a promuovere il miglior modo possibile di allevare le galline ovaiole. Per alcuni prodotti con V-Label, le proteine ​​dell'uovo in polvere provenienti da galline provenienti da allevamenti controllati devono essere evitate perché sul mercato non sono presenti proteine ​​in polvere dell'uovo prodotte da uova da allevamento all'aperto in quantità sufficienti. Poiché può capitare di dover utilizzare prodotti con uova da allevamento, il regolamento della V-label ne consente l'utilizzo. Questo compromesso doveva essere raggiunto anche perché le stesse regole dovrebbero essere applicate in tutta Europa, per quanto possibile. Se la situazione del mercato lo consentirà in futuro, potrebbe ovviamente esserci la possibilità che anche le uova da allevamento all'aperto vengano vietate. Purtroppo ancora oggi troppi consumatori si preoccupano più del prezzo di un prodotto che dell'allevamento dei polli. Swissveg continua quindi a concentrarsi sull'educazione dei consumatori. Non appena essi fossero pronti o a rinunciare agli ovoprodotti oppure ad acquistare solo prodotti con uova da allevamento all'aperto (e di conseguenza pagare di più), ci sarebbe automaticamente un cambiamento in questo settore. Tuttavia, l'etichetta da sola non è un elemento abbastanza forte da portare a un tale cambiamento. Dopotutto, la chiara dichiarazione che l'etichetta porta con sé rende più facile per i consumatori scoprire se un prodotto contiene o meno componenti a base di uova (e da quale tipo di allevamento provengono).

Cosa ottengono in cambio gli utenti dell'etichetta?

Tutti i licenziatari che desiderano utilizzare l'etichetta per i loro prodotti ricevono un supporto tecnico completo da Swissveg. Poiché sempre più persone in Svizzera conoscono l'etichetta, possono dichiarare i propri prodotti a un vasto pubblico in modo semplice e affidabile. L'etichetta è indipendente dall'azienda che la utilizza. Questo controllo esterno da parte dei vegetariani promuove la fiducia nel prodotto etichettato.

Cosa significa l'etichetta nei ristoranti? L'etichetta viene data solo ai ristoranti vegetariani? 

L'etichetta identifica le strutture adatte ai vegetariani. Purtroppo ci sono ancora ristoranti senza un solo menù vegetariano e il personale offre anche piatti con pancetta o pesce anche quando viene richiesto esplicitamente qualcosa di vegetariano.

Un ristorante vegetariano soddisfa naturalmente le condizioni in modo relativamente semplice. Tuttavia, altri ristoranti non dovrebbero essere esclusi dall'etichetta, poiché vogliono promuovere il menù vegetariano. Consigliando gli interessati all'etichetta tramite Swissveg, si può ottenere molto anche per i vegetariani nella gastronomia convenzionale.

Un ristorante che richiede l'etichetta deve sempre offrire almeno un menù vegetariano completo, che viene cambiato almeno con la frequenza con cui il menu normale. Oltre ai piatti vegetariani che possono essere trovati nel menu normale (zuppe, insalate, ecc.), il ristorante deve offrire almeno due piatti accettabili per i vegetariani. Almeno uno di loro deve essere vegano.

Il personale di servizio e di cucina dovrebbe conoscere le differenze tra pasti vegetariani e vegani ed essere in grado di classificare tutte le bevande e i pasti di conseguenza.
Per alberghi, pensioni, pensioni, mense, ecc. si applicano le disposizioni corrispondenti.

Esempio di un ristorante con il marchio V: il ristorante Traube a Ottikon

Fussnoten
  1. Regolamento alimentare in Internet: Ordinanza www.admin.ch/ch/d/sr /817_022_21 / a33.html
Weitere Infos
Ti piace quello che vedi?

Sostieni ora

Spenden
Mitglied werden