Cavalli

DruckversionPDF version

Fatti e dati interessanti

Caratteristiche principali

  • Il cavallo è un mammifero appartenente alla famiglia degli ungulati con un solo zoccolo.
  • Le denominazioni "mezzosangue", "sangue caldo" e "sangue freddo" non hanno nulla a che vedere con la temperatura corporea. Sono tipi di cavalli che si distinguono per il peso medio e il temperamento. I cavalli a sangue freddo sono considerati piuttosto calmi e placidi. 
  • A seconda della razza e delle condizioni in cui vengono tenuti, i cavalli hanno un'aspettativa di vita di 25-30 anni. I pony, invece, vivono più a lungo e possono raggiungere i 50 anni.
  • Un cavallo diventa adulto all’età di circa 5-7 anni.

Fatti interessanti

  • Il cavallo è il mammifero terrestre con gli occhi più grandi.
  • I cavalli bevono molto: fino a 60 litri d'acqua al giorno.
  • Esistono circa 300 razze di cavalli che si distinguono sia per il loro fisico che per il loro temperamento. È difficile fare un inventario preciso.
  • Record di longevità: Old Billy, il cavallo più vecchio, ha raggiunto i 62 anni.     
  • Record di dimensioni: Sampson, un cavallo castrato della razza Shire, misurava 2,19 m al garrese e pesava 1.524 kg.         
  • Cavallo in miniatura: il cavallo più piccolo del mondo misurava 35,5 cm al garrese.
  • A causa della loro conformazione anatomica i cavalli possono respirare solo dal naso, mai dalla bocca.    
  • I cavalli di solito dormono in piedi. Teoricamente possono anche sdraiarsi, ma questa postura aumenta drasticamente il loro consumo energetico.
  • Record di velocità: nonostante il loro peso, i cavalli sono molto veloci. 70,76 km/h è la velocità massima mai registrata per un cavallo.    
  • Visione panoramica: grazie alla posizione degli occhi sul lato della testa, i cavalli hanno una vista a 350°. Il loro unico punto cieco è proprio dietro la groppa. Hanno sia la visione monoculare che binoculare (fuga e sicurezza).1

Bisogni

I cavalli sono animali gregari. Sono dotati di un notevole istinto di fuga. La mandria è organizzata secondo una rigida gerarchia. Sono classificati in due tipologie generali in base al loro temperamento: 

  • nervoso – purosangue

  • calmo e placido – sangue freddo.

Un mezzosangue è un ibrido tra un purosangue e un sangue freddo.1

Atticità fisica

In natura, i cavalli passano quasi 16 ore al pascolo. I cavalli hanno bisogno di un'intensa attività fisica: devono essere in grado di muoversi ogni giorno, anche in scuderia.1

Riposo

In natura, i cavalli passano quasi 16 ore al pascolo. I cavalli hanno bisogno di un'intensa attività fisica: devono essere in grado di muoversi ogni giorno, anche in scuderia.

Alimentazione

I cavalli non dovrebbero digiunare per più di quattro ore. Hanno bisogno di masticare per attivare la secrezione di saliva che è essenziale per la neutralizzazione degli acidi gastrici. Bisogna calcolare circa 1,5 kg di fieno per 100 kg di peso corporeo come apporto minimo.1

Riproduzione e parto 

Le giumente raggiungono l'età riproduttiva tra i 12 e i 18 mesi. Gli stalloni raggiungono la maturità sessuale tra i 12 e i 20 mesi. Le giumente entrano in calore circa ogni tre mesi. La gestazione dura undici mesi. Il puledro si alza sulle zampe circa 20 minuti dopo la nascita. Poi cerca di prendere il latte dalla madre. Il puledro viene allattato da 30 a 50 volte al giorno. Dopo circa sei mesi potrà fare a meno del latte materno.

Contatti sociali

I cavalli identificano i loro amici e nemici dall’odore. I cavalli della stessa mandria riconoscono un appartenente al loro gruppo anche dopo diversi anni di separazione. Per fare ciò, si annusano rumorosamente arrotolando il labbro superiore. Questa postura si chiama "flehmen". Quando si ritrovano faccia a faccia con un loro simile, i cavalli uniscono le loro narici come per salutarsi. Riconoscono anche gli esseri umani dal loro odore e possono essere disturbati da certi profumi.

Lutto

Sì, i cavalli mostrano segni di lutto. Molto socievoli, si preoccupano molto dei membri della loro mandria. Quando un loro simile o una persona a cui sono affezionati viene a mancare, attraversano una fase di lutto. Anche le cavalle provano ugualmente un sentimento di lutto se vengono separate troppo presto dal loro puledro.

 

Condizioni di detenzione

In questo caso si applica l'articolo 7 dell'Ordinanza sulla protezione degli animali. I ricoveri e i parchi devono essere costruiti e allestiti in modo tale che:
a. il rischio di ferimento degli animali sia minimo;
b. la salute degli animali non sia compromessa; e
c. gli animali non possano fuggire.
Idealmente, una scuderia è luminosa e ben ventilata, coperta con paglia fresca sufficiente e offre la compagnia di altri cavalli. Poiché l'isolamento non è conforme alle esigenze dei cavalli, in Svizzera non è consentito tenerli lontani dagli altri cavalli.

I cavalli come animali domestici 

Gli antenati selvaggi dei cavalli vivevano nelle steppe dell'Asia. Migliaia di anni fa, l'uomo addomesticò questi animali abituati a fuggire al galoppo. Oggi in Svizzera ci sono circa 90'000 equidi (cavalli, pony, asini e muli). Negli ultimi decenni, i cavalli si sono allontanati sempre di più dallo status di animali da reddito per diventare animali domestici, soprattutto per lo sport.2

Equitazione

Quando si tratta di equitazione, le opinioni sono divergenti anche tra i vegani stessi. Un cavallo, anche se trattato con gentilezza e rispetto dagli umani, preferirebbe in ogni caso una vita nella natura in mezzo a una mandria rispetto a qualsiasi attività fisica in compagnia degli esseri umani. Un cavallo sogna la libertà e gli ampi spazi aperti senza un morso in bocca o una sella o un cavaliere che a volte è molto pesante sulla schiena. Anche se il cavallo si "lascia fare" e si è affezionato al cavaliere, ciò non significa che si diverta a farsi cavalcare. Il trasporto di esseri umani o di altri carichi sulla schiena NON fa parte dei bisogni di un cavallo. Il cavallo, non avendo il diritto di determinare il proprio destino, viene semplicemente sfruttato dagli umani.

«Con o senza attrezzatura, l'equitazione provoca sempre gli stessi danni ai tessuti. Lo sfregamento permanente della sella causa necrosi che appaiono prima sull'osso e poi si estendono ad esempio sotto forma di macchie bianche all'altezza della sella. Spesso passano inosservati, ma i loro effetti sono paragonabili alle piaghe da decubito nei pazienti allettati per lunghi periodi di tempo. A ciò si aggiungono i problemi alle articolazioni e allo scheletro che insorgono quando l'addestramento dei cavalli inizia, come troppo spesso accade, prima della fine della loro crescita: i cavalli di alcune razze raggiungono la piena maturità solo a cinque anni.»3 – Katharina Stäheli

Allevamento

Nel nostro paese, i cavalli sono allevati per il dressage o la corsa così come per gli sport equestri in generale, ma non per la loro carne. https://www.pferdemetzg-uster.ch/allgemeines/ «Solo gli animali d’allevamento sovrannumerari o i cavalli da lavoro e di compagnia sono abbattuti. Anche la clinica veterinaria di Zurigo non fornisce alla macelleria che una trentina dei circa 170 animali uccisi per ragioni mediche, di cui la metà sono destinati al nutrimento degli animali negli zoo. La maggior parte dei cavalli sono sottoposti a eutanasia, poi cremati sia perché è desiderio del proprietario sia perché i trattamenti somministrati inizialmente non lasciano altra scelta. Bell fa eccezione con le sue settimane di abbattimento organizzate a Cheseaux in autunno. Quando gli allevatori eliminano i puledri, il numero di animali abbattuti oscilla allora tra 100 e 200».  (NZZ am Sonntag, 17.02.2013)

Il cavallo come animale da reddito 

Da quando nasce, un puledro si vede automaticamente attribuire lo statuto di animale da reddito. Se è destinato a vivere come un animale domestico, deve essere oggetto di una dichiarazione in tal senso. Un animale da reddito può essere abbattuto e macellato rendendolo di conseguenza redditizio, mentre un animale domestico morto deve essere cremato. Siccome la carne di cavallo può essere venduta per la consumazione, solo alcune sostanze possono essere somministrate ai cavalli in caso di trattamento veterinario. Tutti gli animali a quattro zampe dichiarati come « animali da reddito » possono in qualsiasi momento vedere il loro statuto trasformato in « animale domestico ». Il contrario non è possibile, poiché in questo caso non si potrebbe più verificare quali sostanze il corpo del cavallo contiene e che potrebbero quindi contaminare la sua carne.4

Tuttavia i cavalli non sono sfruttati unicamente per la loro carne, il loro lavoro o gli sport equestri : in America del sud i cavalli selvaggi soffrono il martirio per soddisfare le derive degli allevamenti europei. Vengono catturati e posti in "fattorie del sangue" dove viene prelevato il loro sangue. Questa tortura risponde a un mercato che genera milioni di profitti. La gonadotropina corionica equina (eCG, equine chorionic gonadotropin) viene estratta dal sangue delle cavalle incinte e inviata in Europa, dove viene utilizzata principalmente negli allevamenti suini per facilitare il travaglio durante il parto e per garantire che le scrofe partoriscano i loro piccoli nello stesso tempo. Gli operatori delle fattorie del sangue prelevano fino a 10 litri di sangue (circa un quarto del volume sanguigno del cavallo) alle cavalle incinte, e tutto ciò da una a due volte la settimana per un periodo di 11 settimane. Il loro corpo soffre enormemente di questo trattamento che costa ogni anno la vita a circa due terzi delle «donatrici» perché sono semplicemente abbandonate alla loro sorte o perché vengono abbattute in ragione della loro infertilità conseguente. Le «fattorie del sangue» sono tra i migliori fornitori ai macelli specializzati in cavalli. Per quanto concerne i puledri, se non muoiono nel ventre della madre, sono sacrificati tramite aborto come un sottoprodotto indesiderabile. Dopo ogni serie di prelevamenti e aborti successivi, le cavalle devono ricominciare una gestazione il più rapidamente possibile, in quanto l’ormone eCG è presente nel sangue solamente durante i primi mesi di gravidanza.5,6,7

Il prodotto veterinario Folligon non è più autorizzato in Svizzera. Mentre l’ormone P.G.600 prodotto dalla MSD Animal Health GmbH lo è ancora. 

Stordimento e abbattimento 

L’animale è stordito con l’aiuto di una pistola a chiodi, con un colpo applicato direttamente al cervello. Il pezzo d’acciaio perfora la calotta, raggiunge il cervello e lo distrugge. Quindi gli animali vengono sgozzati in modo che si svuotino del sangue. 

 

 

 

 

Letzte Aktualisierung: 03.09.2020
Fussnoten:
  1. Das Pferd, Grundlegende Fakten. Reitarena, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020
  2. Pferde richtig halten, Zürcher Tierschutz, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020
  3. Pferde reiten, Swissveg, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020
  4. Pferd als «Nutztier» – ohne Konsequenzen?, Pferdewoche, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020
  5. Hormon aus Pferdeblut für die Schweinezucht, Tierschutzbund, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020
  6. Stuten leiden für unser Schweinefleisch, SRF, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020
  7. PMSG Zusammensetzung, Tierarzneimittel Kompendium der Schweiz, zuletzt aufgerufen am 03. September 2020